Giornata mondiale della sindrome feto-alcolica: zero alcol in gravidanza

Il 9 settembre si celebra la Giornata mondiale della sindrome feto-alcolica e disturbi correlati. Come ogni anno, dal 1999, è una occasione per aumentare la consapevolezza sui rischi legati all’alcol in gravidanza. 

La sindrome feto-alcolica (FAS) è la più grave disabilità permanente che si manifesta nel feto, esposto durante la vita intrauterina all’alcol consumato dalla madre durante la gravidanza. Oltre alla FAS si possono verificare una varietà di anomalie strutturali (anomalie cranio facciali, rallentamento della crescita, ecc.) e disturbi dello sviluppo neurologico, che comportano disabilità comportamentali e neuro-cognitive.

La FAS si può prevenire al 100%, ma per farlo è indispensabile che i medici forniscano alle donne in gravidanza e in età fertile, tutte le informazioni utili, in modo accessibile, per capire quali possano essere le conseguenze del consumo di alcol. Molte future mamme sono, infatti, erroneamente convinte che il consumo di vino, birra, liquori, aperitivi alcolici o superalcolici, in maniera saltuaria e moderata, non comporti problemi per il feto. 

Non esiste una dose sicura da assumere durante la gravidanza e l’astinenza è l’unica indicazione da dare e seguire. 

Per approfondire vai sulla pagina sindrome feto-alcolica del sito Alcol

Torna su